i “figli dei fogli” delle separazioni e dei divorzi…

Blog_Famiglia_Piselli_FabioMassimo_futuro_2015

Fabio Massimo Piselli, in navigazione, 2015

Avete mai visto gli occhi di un bambino quando è in attesa di andare con il papà o con la mamma, cosciente di dover andare da uno o dall’altra e, non, con tutti e due i suoi genitori?

E’ uno spettacolo educativo per capire la sofferenza che prova, il peso che sente e la responsabilità che vive nel farlo, soprattutto per ipotizzare il senso di colpa che lo attanaglia perchè un bambino non sa capire bene le ragioni per le quali i suoi genitori sono in conflitto.

Crede che sia colpa sua, specialmente quando questi litigano per il suo affidamento o per i termini di visita a causa dei quali il minore ha sempre una o più borse pronte, per andare ora a casa di mamma ora di papà, come generalmente deciso da un Tribunale dopo una lunga mediazione e non in ragione di una cosciente scelta compiuta fra i coniugi separati, nel rispetto delle “esclusive” esigenze dei figli.

Ho sempre considerato questi bambini essere dei “figli dei fogli” tanto sono numerose le istanze, le denunce, i ricorsi, le carte bollate, le sentenze, i decreti che condizionano il processo evolutivo di un bambino figlio di genitori conflittuali, il quale crescerà nel conflitto e si evolverà nell’istmo, come istmo, che si crea fra i due continenti genitoriali, ormai separati e collegati solo dalla presenza del figlio, i quali tenderanno a cooptarlo ognuno dalla propria parte.

Poco di buono uscirà da una simile situazione anche laddove il bambino non esprimerà quei segnali di disagio, molte volte evidenziati nel corso del mio lavoro di pedagogista, di consulente.

Questo perchè i genitori sono i primi educatori dei propri figli, i quali hanno una responsabilità che spesso dimenticano, perchè troppo impegnati a costruire le barricate del loro conflitto, sotto le quali i figli resteranno schiacciati ed isolati, in attesa che una nuova sentenza gli doni un’ apparente speranza di rapporto, non più con la propria famiglia ma solo con uno dei due genitori, uno alla volta…

Blog_Famiglia_Piselli_Sara_2014

dott.ssa Sara Moi Piselli, pedagogista


Nota per il lettore: sei autorizzato a ri-pubblicare questo articolo nel tuo o in altri siti web oppure sulle piattaforme sociali, con la preghiera di non cambiarne la struttura ed il significato, di non farne oggetto di lucro e di citare cortesemente la fonte. 

Se desideri commentarlo puoi usare lo spazio dedicato, naturalmente nel rispetto degli argomenti trattati e della sensibilità dei lettori. Mi permetto solo di verificare i commenti prima di approvarli per prevenire lo spam e la pubblicità ma non adotto nessuna forma di censura sui contenuti che vorrai esprimere.


  1. […] un articolo che accenna alla situazione dei minori coinvolti nella separazione dei genitori (leggi) i quali vivono queste lunghe fasi prima, durante e dopo la separazione come un trauma verso cui […]

    Mi piace

    Rispondi

  2. […] un articolo che accenna alla situazione dei minori coinvolti nella separazione dei genitori (leggi) i quali vivono queste lunghe fasi prima, durante e dopo la separazione come un trauma verso cui […]

    Mi piace

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: