guide genitori consapevoli, come proteggere i propri figli contro la pedofilia…

guide_piselli

i “libri” della Famiglia Piselli

Si concretizza oggi il progetto delle guide genitori consapevoli tramite la pubblicazione di un lungo articolo in formato “libro”.

Ovvero di un articolo approfondito e suddiviso in capitoli su un tema di interesse, nel caso specifico iniziamo con la protezione dei bambini contro la predazione del fenomeno della pedofilia.

Questa prima guida è dedicata ai genitori ed è scritta con un linguaggio comunicativo sostanzialmente semplice pur affrontando tecnicamente un fenomeno trasversale come quello della pedofilia, indicandone tutti gli aspetti sia intra-familiari che esterni al nucleo nel quale vive prevalentemente un minore oggetto di predazione da parte di uno o più adulti abusanti.

Nasce dalla esperienza pratica acquisita nel corso degli anni durante i quali ho collaborato con mio marito nel prestare più consulenze tecniche di parte nei procedimenti penali e nei processi relativi ai reati per molestie e violenze sessuali in danno dei minori.

Libro i cui contenuti sono rinforzati dalla costante ricerca e dallo studio sul fenomeno della pedofilia, in ogni suo aspetto nazionale ed internazionale, organizzato o meno, esoterico oppure posto in essere in modo estemporaneo.

Studi e ricerche naturalmente empiriche ma che hanno sempre permesso di contribuire ad una conoscenza utile per poi trasferirla anche nel corso delle consulenze forensi, riuscendo così ad aggiungere alla formazione tecnica nell’interagire con un minore vittima tramite l’approccio pedagogico anche la consapevolezza di un fenomeno che, come ho detto, è trasversale e purtroppo ancora molto diffuso in ogni categoria sociale e professionale.

Esperienze che infatti ci e mi hanno posto a stretto contatto sia con i predatori di bambini che con le vittime della pedofilia, bambini pre-puberi coi quali abbiamo condotto dei periodi medi e lunghi di assistenza nelle fasi delle indagini e nella raccolta delle loro memorie di abuso da trasformare in elementi probatori durante il dibattimento processuale, oltre che fornire il sostegno pedagogico idoneo per sostenere il lungo iter giudiziario che, in alcuni casi, ha visto tornare sul banco dei testimoni delle vittime abusate durante la frequentazione della scuola primaria, ormai già maggiorenni.

Formare i genitori ad acquisire la consapevolezza dei rischi di un fenomeno trasversale e diffuso come quello della pedofilia, nelle sue varie forme e “scuole culturali”, richiede da parte mia la piena coscienza della responsabilità che mi assumo nel farlo, perchè tratto un tema che spaventa e che coinvolge non solo la vita dei bambini ma anche quella di un adulto che può essere ingiustamente accusato con tutte le conseguenze negative del caso.

Ho già scritto un articolo (leggi) proprio sulle false accuse in danno di un padre generate dalla ex moglie in fase di separazione conflittuale, per introdurre il tema nei suoi molteplici aspetti mentre con questo libro approfondisco il fenomeno della pedofilia vissuto soprattutto da parte del minore vittima.

Minore, generalmente un bambino o una bambina di età compresa fra gli zero ed i tredici anni, pre-pubere, che rappresenta uno dei pochi casi nel panorama giudiziario nel quale la vittima è tale ma non solo questo, perchè è altresì il testimone quasi sempre unico del reato che patisce, è il corpo del reato, è l’oggetto di reato ed è la fonte primaria delle notizie investigative idonee sia per validare le sue memorie di abuso che per strutturare un quadro di insieme che la Procura della Repubblica procedente dovrà indirizzare verso l’identificazione di un presunto abusante, contro il quale agire gli strumenti di legge per poi riuscire a rinviarlo a giudizio nei modi e nei termini idonei per sostenere un difficile dibattimento come quello che riguarda i reati sessuali contro i minori, altrimenti non resta che la frequente archiviazione proprio per una scadente raccolta probatoria e testimoniale.

Ho conosciuto il dramma che patisce la famiglia al cui interno vive un minore vittima della pedofilia, sia  ove l’abusante è un soggetto del tutto estraneo alla rete amicale e parentale che nei casi in cui l’adulto identificato come il predatore del minore è il padre, lo zio, il nonno o il nuovo compagno della madre, ovvero è inserito nella famiglia della vittima.

Ho sostenuto quei  genitori scioccati e timorosi se fare o meno una denuncia dopo aver ascoltato le parole dei figli o averne letto le confidenze su un diario, oppure dopo aver visto i disegni che frequentemente le vittime adottano come veicolo di espressione di un disagio che merita il giusto approfondimento tecnico ed investigativo.

Ho scritto un articolo indicando alcuni esempi dei disegni dei minori vittime di abusi sessuali (guarda).

Consentire a dei genitori di raggiungere la piena consapevolezza delle dinamiche predatorie di un cacciatore di minori significa offrire uno strumento di tutela importante, per questo parlo di protezione dei figli e non solo di tutela dei minori.

Queste guide rappresentano il frutto del mio lavoro e della mia professione, motivo per cui diversamente dalla lettura gratuita degli articoli del Blog della Famiglia Piselli, i “libri” così organizzati hanno un costo di accesso per coloro interessati ai loro contenuti e ad apprendere una conoscenza utile per arricchire le proprie competenze genitoriali.

Tutti i dettagli relativi al formato, al metodo di download o della lettura on line ed ai loro costi, sono descritti nelle pagine dedicate ad ogni singolo libro che saprò indicare negli spazi di questo Blog.

Naturalmente lo studio pedagogico Moi Piselli resta disponibile per ogni parere o consulenza di parte laddove un minore sembra esprimere dei segnali indicanti una memoria di abuso, per cui invito gli interessati a contattarmi agli indirizzi descritti…

Blog_Famiglia_Piselli_Sara_2014

dott.ssa Sara Moi Piselli, pedagogista


Nota per il lettore: sei autorizzato a ri-pubblicare questo articolo nel tuo o in altri siti web oppure sulle piattaforme sociali, con la preghiera di non cambiarne la struttura ed il significato, di non farne oggetto di lucro e di citare cortesemente la fonte. 

Se desideri commentarlo puoi usare lo spazio dedicato, naturalmente nel rispetto degli argomenti trattati e della sensibilità dei lettori. Mi permetto solo di verificare i commenti prima di approvarli per prevenire lo spam e la pubblicità ma non adotto nessuna forma di censura sui contenuti che vorrai esprimere.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: