educare un marito a chiedere scusa ad un presunto docente, che ha il dovere di dirci chi è, se è vicino ai miei figli…

Oggi pomeriggio stavo raggiungendo mio marito nell’andare a prendere i bambini a scuola ed ho visto una auto con targa francese partire da un posto in cui è vietata la sosta, proprio nei pressi dell’uscita delle classi.

Qualcuno mi ha subito informato di quanto avvenuto poco prima, della quasi “rissa” fra mio marito ed un ragazzo atletico, in quel progredire di voci che, magari, mutano un mero piccolo alterco verbale in un duello da far west ma, conoscendo bene mio marito sono certa che sia vero che gli abbia incatenato la macchina.

Questo non per una “guappata” o per manifestare chissà quale potere ma per una ragione specifica data sia dalla difficoltà  per molte auto e pulmini ed anche camion di far manovra in quel piccolo vialetto, tanto che spesso ci ha causato l’obbligo di camminare contro il muro per non essere investiti che dal fastidio provato di fronte al modo col quale quella vettura era parcheggiata, oltre al fatto che tutti i genitori se la fanno a piedi anche zoppicando oppure allargano il giro del parcheggio proprio per il divieto.

Detto questo ho chiesto a Fabio, il mio buon marito, di scusarsi comunque nei confronti di quel sedicente docente professore di educazione fisica incaricato dal CONI, come tale sembra essersi qualificato dopo che, sempre il mio buon marito, gli ha chiesto chi fosse atteso che aveva assunto un atteggiamento ostile, certamente giustificato dal ritrovarsi l’auto in catene.

Scuse che con questo articolo sono pubbliche nei confronti del professore al quale ricordo che ha il dovere di qualificarsi se esce da una scuola pubblica in cui ci sono i miei figli dentro e tutti gli altri bambini, minori, e non può scudarsi dicendo di andarlo a chiedere a chi ce lo ha messo, perchè ai nostri occhi rappresenta un incaricato di pubblico servizio a contatto con l’infanzia e, come detto, coi nostri figli.

Sicuramente è altamente qualificato per insegnare la sua materia, che mi auguro non sia l’educazione stradale ma, battute a parte, come genitore ho il pieno diritto di sapere chi egli sia e quale siano le sue mansioni a contatto coi miei figli, le sue qualifiche, il suo percorso professionale e la sua capacità educativa in tal senso.

Perchè operare all’interno di un progetto con una scuola non trasforma il primo istruttore di fitness in un professore e, sono certa, che questi sia invece come ho detto altamente qualificato altrimenti la direzione non lo avrebbe autorizzato, pagandolo con la quota che abbiamo versato alla scuola proprio per ampliare le opportunità educative in favore dei nostri figli.

Qualificato abbastanza da capire che se si trova di fronte mio marito che gli chiede chi egli sia, dopo aver visto come parcheggia, ha tutto il diritto di risentirsi per una vettura incatenata ma anche, con meno giovanile supponenza, favorire le sue competenze e le sue mansioni a chi desidera sapere il profilo di chiunque gravita intorno ai propri figli sia per ragioni ordinarie che straordinarie, oltre al fatto che le sue entrate derivano anche dalle nostre uscite.

La “rissa” mi dicono che alla fine tale non era e tutto è rimasto nei limiti del petto gonfio tipico dei maschi, i quali certamente diventeranno amici atteso il passato sportivo di mio marito.

Le scuse sono estese anche a chi ha assistito all’evento, naturalmente, laddove la richiesta di un genitore di sapere chi opera a contatto coi propri figli è una opportunità maggiore di sicurezza e di serenità, perchè non abbiamo la piena conoscenza del territorio e dei legami che vi sono fra palestre, le associazioni ed i sedicenti professori di educazione fisica delegati dal CONI in tal senso.

Sara


torna alla home page

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: