educare i figli al rispetto della natura…

L’esempio non può che essere il primo maestro di vita di ogni bambino, quello che osserva dai suoi genitori tutti i giorni.

Un genitore è quindi la rappresentazione pratica di quel dice ai propri figli, è la realtà fattuale che conferma un tema educativo, una prassi, un valore che trasmette ai figli tramite l’esempio.

L’ambiente in cui viviamo è per i bambini molte volte qualcosa di sconosciuto, perchè troppi genitori sanno insegnargli le caratteristiche dei componenti della casa del Grande Fratello ma non li hanno mai educati a capire, conoscere e riconoscere il mondo, reale, nel quale vivono.

Trascorrere del tempo insieme ai figli immersi nella natura non è solo una opportunità di benessere e di relazione ma è anche e soprattutto una scuola importante per introdurre la natura ai figli e, non, forzare i figli alla natura.

I bambini sono felicissimi di potersi sporcare, di correre col vento, di capire gli insetti e gli animali, di puzzare di pecora, di capire che le uova le fanno le galline e non i supermercati.

Abbiamo sempre scelto di vivere lontano dai grandi centri urbani, salvo un periodo a Roma, città che amo sotto tanti aspetti ma in cui ho scelto di non crescere i miei figli.

Il rapporto con la natura è per i miei figli complementare a quello che hanno con noi genitori, sempre protesi a trascorrere il tempo insieme fatto di gioco e di scoperte ora in un bosco, ora in acque libere, ora in montagna oppure in riva al mare a due passi da casa.

La natura è una scuola meravigliosa nella quale i maestri sono i bambini stessi, perchè sanno riconoscere l’insegnamento che apprendono, naturalmente, dall’ambiente che li circonda ma per fare questo occorre che i genitori siano sereni, oltre che esperti in tema di ambiente e di natura perchè i figli fanno un sacco di domande.

Il mondo è vostro, ripete sempre mio marito ai nostri figli, sappiatelo rispettare ad iniziare dal non gettare carte e rifiuti a terra, nemmeno il più piccolo fino a comprendere che un’ape dalla quale si teme di essere punti la si può “cacciare” senza il bisogno di ucciderla.

Permettere ai figli di innamorarsi della natura è una responsabilità di noi genitori, perchè se non sappiamo farlo si annoieranno molto e per farlo dobbiamo noi stessi amare l’ambiente in tutti i suoi aspetti.

Amore, rispetto, educazione, reciprocità, condivisione. Questa è la natura.

Educare i figli a rispettarla significa consentirgli di vivere in armonia con questi principi, che richiedono molta fatica per essere rispettati, ecco l’importanza di una marcia nei boschi o in campagna prima di arrivare in una fattoria, oppure una bella scarpinata fra gli scogli prima di giungere ad una spiaggetta.

La fatica rappresenta il senso della natura e la difesa dell’ambiente, nel quale i bambini vivono ma occorre fargli comprendere che siamo ospiti, non padroni…

Sara


torna alla home page

2 risposte a "educare i figli al rispetto della natura…"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...